Cronologia di Luigi Sacco
1915: la stazione radio di Codroipo
1912-13 La rete radiotelegrafica libicaquesta pagina → 1915: in missione a Chantilly

Galleria immagini
Galleria immagini
Il 24 maggio 1915 l'Italia dopo essere uscita dalla Triplice Alleanza, entrò in guerra a fianco di Francia e Gran Bretagna.
Il 22 giugno il cap. Luigi Sacco fu trasferito in territorio dichiarato in stato di guerra e cioè a Codroipo, cittadina nella piana di Udine, non lontano dal confine con l'Austria per dirigervi una stazione radotelegrafica che permettesse di intercettare le trasmissioni radio degli austriaci; e Sacco aveva maturato una grossa esperienza in questo campo nella guerra di Libia.
Ma la maggior parte dei messaggi austriaci era cifrata e l'esercito italiano non disponeva di un ufficio cifra! Per decrittare i messaggi intercettati non restava che una via, quella di rivolgersi all'alleato francese che disponeva da tempo di un efficiente ufficio cifra; per questo motivo Sacco fu nel luglio 1915 inviato in missione al Gran Quartier Generale francese a Chantilly presso Parigi.
Sacco continuò a dirigere la stazione RT dall'ufficio ospitato nella Villa Dora (oggi Villa Frova) anche dopo questa missione e fino al 30 ott 1916 quando lasciò Codroipo per essere trasferito stabilmente a Roma e occuparsi a tempo pieno dell'ufficio cifra.
Nella lettera alla moglie scritta in quella data Sacco scriveva tra l'altro: "Sono davvero un po' spiacente di lasciare Codroipo dove ho trovato molta gentilezza sia nella popolazione che nella ufficialità"; ma per altro verso il trasferimento giungeva molto gradito dal momento che gli consentiva di lasciare la zona di guerra e di ricongiungersi con la moglie.
In questo periodo Sacco allestì anche un servizio radiogoniometrico per poter individuare con precisione la posizione delle stazioni radio austriache.


Fonti bibliografiche e collegamenti



Valido HTML 4.01!